Iscriviti ora!

Tendenze e profumi dagli anni ’50 ad oggi

SaveSavedRemoved 0

TENDENZE E PROFUMI: DAGLI ANNI ’50 AD OGGI

Come la moda, le tendenze dei profumi si evolvono nel corso degli anni. Come i riflessi di una società e di un’epoca, le fragranze si adattano e gli ingredienti evidenziati cambiano. Mentre ci sono anni “rosa” o “tuberosa”, alcune tendenze profumate hanno lasciato il segno su intere generazioni. Da decenni i nasi cercano di creare il succo che si adatterà perfettamente allo spirito dei tempi grazie ad accordi vincenti. Dagli anni ’50 ad oggi, ti offriamo una panoramica delle tendenze dei profumi.

Il sogno americano degli anni ’50

Tendenze dei profumi da uomo

Mentre la fragranza degli anni ’30 e ’40 è stata caratterizzata dal glamour e dall’opulenza delle donne di Hollywood, il decennio successivo ha visto l’emergere di fragranze per uomini. La prima eaux de toilette è apparsa sotto forma di profumi in stile “Colonia” con note fresche e leggere, facili da indossare quotidianamente. Queste composizioni piacevano anche agli uomini, che fino ad allora erano stati piuttosto timidi nell’usare il profumo. Mentre la lavanda continua a piacere, il vetiver fa la sua comparsa in queste creazioni maschili. Di fronte a questa crescente mania, le fragranze maschili si stanno affermando attorno a note orientali o aromatiche. Da parte delle donne, le tendenze dei profumi non sono cambiate quasi mai a quel tempo. La fragranza rimane ancora un regalo offerto dal marito per le occasioni speciali. Altamente codificato e stereotipato, il profumo rappresenta un ideale femminile.

Fragranze dagli USA

Nel corso degli anni Cinquanta il profumo si diffuse maggiormente e la sua vendita non era più riservata ai negozi specializzati. Le fragranze sono molto più economiche e invadono i supermercati, i templi del consumo. Gli europei di tutte le età sognano uno stile di vita americano come nei film tra drive-in e rock’n’roll. La fragranza non fa eccezione e già nel 1952 Estée Lauder commercializza il suo primo profumo, Youth Dew , che sarebbe servito come precursore della profumeria americana. Creata inizialmente come olio da bagno, la fragranza sarebbe poi diventata un’eau de toilette altamente concentrata. Questa nuova tendenza importata dall’altra parte dell’Atlantico è più accessibile olfattivamente, più “leggibile” da tutti. Avrà una forte influenza sul mercato europeo.

Un’altra tendenza proveniente dai nostri amici americani: i detersivi. Che relazione c’è con il profumo? A causa del muschio , semplicemente! Questi prodotti, infatti, sono profumati con muschi sintetici: sostanze poco costose che non sono solubili in acqua. Dopo il lavaggio, il profumo penetra nelle fibre dei vestiti per essere tutt’uno con la tua pelle. Questo profumo “pulito” sedurrà così tutti molto rapidamente.

Anni ’60: tocco di freschezza

Negli anni ’60, la chimica sintetica si è evoluta e ha offerto ai profumieri nuove note da aggiungere alla loro tavolozza. Quindi a quel tempo, Nasi reinventa alcuni classici con l’aiuto di nuove molecole. Con note floreali e delicate, i profumi primaverili diventano molto apprezzati dalle donne. Il mughetto, la rosa e il gelsomino sono il massimo della raffinatezza. Ma l’amore per le sfumature orientali dura e diventa un appuntamento fisso nelle tendenze dei profumi degli anni ’60. Il patchouli iniziò a lasciare il segno su molti nasi.

In un contesto di frenesia, l’emancipazione delle donne comincia a farsi sentire. Diventano prescrittori dei propri acquisti e iniziano a divertirsi con le fragranze. Quasi ad accompagnare questo revival, si avverte un’ondata di freschezza e l’Eau de Cologne, sempre molto apprezzata, viene reinventata con l’aggiunta di limone o mandarino.

Gli anni Settanta tra ideali e marketing

Il decennio successivo sarà innegabilmente segnato dal movimento hippie nato a San Francisco. Patchouli è ovviamente un punto di riferimento e diventa il simbolo di una generazione in cerca di cambiamento. Le composizioni con note floreali e aldeidiche conquistano tutti i voti, insieme a fragranze più verdi e cipriate. Se gli hippy invocano una sorta di ritorno alla natura, il marketing sta decollando nell’industria dei profumi. Più che un semplice odore, il profumo dovrebbe riflettere uno stile di vita.

La pubblicità gioca un ruolo sempre più importante nel lancio di nuove fragranze. Ogni movimento popolare come il femminismo o il neoromanticismo ha una sua fragranza: è necessario decifrare i bisogni ancora insoddisfatti dei consumatori per offrire loro la fragranza che più gli si addice. Per gli uomini le composizioni osano essere più virili di prima e il profumo diventa un vero e proprio patrimonio di seduzione.

Il culto del corpo negli anni ’80

Durante questo decennio l’emancipazione sociale e professionale delle donne ha continuato a guadagnare terreno. Anche gli uomini vogliono affermarsi più che mai. Le fragranze con carattere sembrano riflettere al meglio questo desiderio. Le note inebrianti e animali lo dimostrano nei profumi dal carattere tenace. Mistero e seduzione sono ricercati con fragranze dalle sfumature sensuali e orientali: spesso si usano cisto, pepe o cannella. Questo decennio è segnato da una certa forma di individualismo ma anche dal culto del corpo. L’attività fisica viene praticata per mantenere una figura snella e atletica, e le tendenze della profumeria fresca e dinamica sono rivolte agli sportivi. Note fruttate dagli Stati Uniti sono arrivate anche nella profumeria europea, dandole una nuova prospettiva di vita.

Nostalgia e purezza degli anni ’90

Gli anni ’90 segnano un ritorno alla sobrietà e alla semplicità. In una società sconvolta da grandi cambiamenti, siamo alla ricerca di fragranze pure e naturali che evocino più autenticità. I succhi hanno un odore “pulito” e marino. Le donne stanno tornando a composizioni più floreali e spontanee. Contrariamente alle fragranze esasperate dal punto di vista sessuale degli anni ’80, i primi profumi unisex compaiono e conquistano un’intera generazione di giovani a cui piace giocare con questi nuovi codici. Negli anni ’90 avviene anche una rivoluzione nella fragranza: queste delle note gourmand ! Come un desiderio di tornare all’infanzia, le composizioni sono rivestite di dolcezza come confortante e regressiva vaniglia, caramello o anche cioccolato.

Dal 2000 ad oggi: una nuova era profumata

Dal 2000, le tendenze del profumo si sono evolute attraverso approcci nuovi e diversificati: un ritorno ai grandi classici di ieri, o un aumento di dieci volte dell’inventiva con la comparsa di stranezze olfattive. La profumeria femminile sta ridiventando sofisticata e glamour, contrappunto all’uniformità degli anni Novanta. Le donne si esprimono in tutte le loro sfaccettature: forti ma anche fragili, a volte donna-bambina, a volte seducenti… È anche in questo periodo che la profumeria di nicchia si rivolge sempre più a un popolo in cerca di originalità. Lontano dai circuiti “mainstream”, sta emergendo una nuova forma di creatività grazie ai profumieri che stanno cercando di distinguersi dalla massa. Il 21 ° secolo segnerà così una nuova forma di audacia nella profumeria.

Mentre alcuni sono rimasti fedeli al loro grande classico, altri aspettavano la fragranza di domani. Quali sono le tendenze del profumo che hanno segnato la tua giovinezza?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password