Iscriviti ora!

Profumeria di nicchia

SaveSavedRemoved 0

Profumeria di nicchia

La profumeria di nicchia è il segmento più giovane dell’industria della profumeria, i cui primi rappresentanti si sono fatti conoscere alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80. L’Artisan Parfumeur, Diptyque e altri si sono opposti principalmente alle linee di profumi “commerciali” delle case di moda, sottolineando l’indipendenza, la libertà di pensiero artistico e la natura sperimentale delle composizioni.

Si credeva che i profumi di nicchia fossero più complicati e richiedessero al proprietario non solo la conoscenza della loro storia, ma anche un gusto più sviluppato; nel tempo, anche a causa della “democratizzazione” del segmento, l’espansione della geografia dei marchi e l’emergere di composizioni più semplici, questa idea ha cessato di essere rilevante. Per quasi 50 anni, la nicchia è diventata un partecipante prominente e importante nel processo di profumeria.

Negli ultimi anni, la sua influenza sul segmento del lusso è diventata sempre più tangibile: se prima l’interesse dei grandi marchi per esso si esprimeva principalmente nell’uscita di collezioni “alte” (Dior Haute Parfumerie, Armani Privé, ecc.), Ora è evidente nel lavoro sui lanci regolari (esempi: camomilla Mémoire d’une Odeur di Gucci, linea Maison Martin Margiela, ecc.). Inoltre, non dimenticare che prima della comparsa delle società, “di nicchia”, cioè, i marchi indipendenti potrebbero essere considerati, ad esempio, Guerlain, Caron, ecc. – tutti coloro che hanno sviluppato fragranze in proprio, senza “intermediari”.

Cos’è la profumeria selettiva e di nicchia? Qual è la differenza?

La profumeria di nicchia “selettiva” (dall’inglese per selezionare “scegli”) in Russia e nei paesi limitrofi ha iniziato a essere chiamata negli anni 2000, quando le boutique sono apparse nelle grandi città, il cui assortimento differiva dalle catene di negozi e comprendeva opere di marchi indipendenti, e gli stessi marchi si sono attivati ​​enfatizzando la loro “scelta”, rivendicando l’uso di componenti costosi, artigianali e curati nei dettagli.

Ma negli ultimi 15-20 anni, l’atteggiamento nei confronti dei profumi di nicchia è cambiato e anche i valori sono cambiati. Da un lato, ora i marketer fanno sempre più affidamento sull’originalità dell’idea, sulla personalità interessante dell’art director o sul packaging insolito, e dall’altro lato, il profumo è diventato più accessibile: per acquistare la bottiglia desiderata, non c’è è necessario ordinarlo dall’estero, poiché sempre più marchi venduti in Russia ei loro prezzi differiscono leggermente da quelli stranieri. Pertanto, il termine “profumeria selettiva” applicato a una nicchia non riflette la sua essenza.

Ci sono diverse ragioni per questo:

  • la profumeria di nicchia non è segno di “scelta”: le fragranze del segmento si stanno mettendo a disposizione di un numero sempre maggiore di clienti;
  • in precedenza, indossare tali fragranze era associato a un gusto delicato e, di conseguenza, a un livello culturale più elevato; Ora questa opinione è impopolare, anche perché non tutti i profumi di nicchia sono complessi.
  • La parola “selettivo” potrebbe anche indicare che il marchio è stato venduto in un numero limitato di boutique, accuratamente selezionate, ma in realtà ogni marchio cerca ora di espandere la propria distribuzione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password