Iscriviti ora!

Note balsamiche balsamo per il naso

SaveSavedRemoved 0

NOTE BALSAMICHE: BALSAMO PER IL NASO

Molto apprezzati in profumeria, i balsami e altre resine creano quelle che vengono chiamate note balsamiche. Lenitive e calde, rivestono le tue fragranze di una scia morbida e sensuale. Ma come vengono usati questi profumi profondi e dolci nei tuoi profumi? Scopri gli ingredienti chiave di queste note e come sono combinati nelle tue composizioni.

Cosa sono le note balsamiche?

Da non confondere con l’aceto, il termine balsamico deriva dal latino balsamum che significa balsamo profumato. Per l’aneddoto, l’aceto balsamico si riferisce al balsamo delle botti in cui è conservato. Così, le note balsamiche evocano i balsami e le resine che vengono regolarmente utilizzati in profumeria. Questi ingredienti sono tra le più antiche materie prime utilizzate nella composizione delle fragranze.

Balsamo e profumo

Potresti già usare un balsamo per le labbra o un altro tipo di balsamo per idratare il tuo corpo. In effetti, il balsamo è una pasta densa e grassa, generalmente utilizzata in cosmetica e medicina per lenire il dolore o liberare le vie respiratorie, ad esempio. Ma per quanto riguarda il tuo profumo? Infatti, un balsamo è un essudazione (un versamento di liquido), secreto naturalmente dalle piante e solitamente dagli alberi. Si chiama alternativamente gomma, resina o lacrima. Questa sostanza ha inizialmente un aspetto liquido, grasso e viscoso, che poi si seccherà a contatto con l’aria e si indurirà, rilasciando un potente odore. Per raccogliere il balsamo è necessario tagliare il tronco e raccogliere la linfa che ne deriva. A seconda della provenienza della materia prima, il balsamo verrà distillato con vapore o estratto con solventi volatili per ottenere essenza o assoluta.

I principali balsami

In profumeria troviamo diversi balsami usati dai nasi: il balsamo del Perù , Copahu, Tolu e benzoino . Questi ultimi due sono i materiali più rappresentativi delle note balsamiche. Il benzoino proviene naturalmente dall’albero Sytrax. Le sue lacrime rivelano un profumo molto dolce, latteo e speziato, che evoca la rotondità della vaniglia e il calore dell’incenso . Il balsamo di Tolu è prodotto principalmente in Colombia. Il suo assoluto ha un odore caldo e legnoso, con toni dolci e untuosi. Il balsamo del Perù proviene da un albero originario del Sud America. Anche la sua sensazione olfattiva è dolce, quasi caramellata, ma offre anche sfumature cerose e coriacee, con note animali. Infine, il balsamo Copahu, dal copayer, è più aromatico e legnoso, con note speziate e dolci.

Gli altri ingredienti delle note balsamiche

Al di là di questi quattro balsami, le note balsamiche possono essere ricreate da molti ingredienti. È il caso della mirra , ad esempio, una gomma-resina dal profumo sensuale, legnoso, quasi fruttato. Sebbene i suoi toni siano più legnosi, l’incenso è anche un ingrediente di scelta per le note balsamiche. Pensiamo anche alla gomma labdano , sprigionata dalle foglie di cisto, che evoca un profumo ambrato e animalizzato. Queste materie prime offrono profumi ancora più profondi e persistenti con sfumature terrose o addirittura coriacee. Queste resine cristallizzate provengono dalla corteccia degli alberi e si combinano perfettamente con formule legnose e ambrate.

Utilizzare in profumeria

Nel complesso, le note balsamiche hanno un profumo calmante, balsamico, caldo, persino animale o leggermente medicinale. Sono note forti e persistenti che avvolgono una fragranza. Spesso supportano e completano la vaniglia in una fragranza. È anche un ottimo fissatore, di solito si trova al centro o alla base della piramide olfattiva . Grazie alle loro sfumature gourmand e morbide, le note balsamiche conferiscono una dimensione orientale a qualsiasi composizione, sia maschile che femminile. Si fondono perfettamente anche con note più floreali o fruttate per rivelare tutta la loro sensualità e un tocco di mistero …

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password