Iscriviti ora!

La composizione del profumo

SaveSavedRemoved 0

La composizione del profumo

Ti chiedi in cosa consiste un profumo? Qual è la sua architettura, la sua piramide olfattiva o le materie prime che la compongono? Tutti i segreti di una composizione di profumo.

Le materie prime

Un profumo è costituito da materie prime naturali e sintetiche.

Ci sono circa 1000 materie prime naturali e ogni anno ne scopriamo di nuove. Sempre più materie prime naturali vengono regolamentate e talvolta rimosse (recentemente la nota di muschio di quercia o legno di betulla è stata rimossa).

Ci sono tra 3000 e 4000 materie prime sintetiche, ogni anno alcune scompaiono e altre compaiono (vedi prodotti sintetici ).

Il profumiere, secondo i suoi gusti o possibilità, sceglierà tra queste 5000 materie prime per creare il suo profumo. In generale, il profumiere farà una scelta tra 1000 materie prime in totale, tra naturali e sintetiche per comporre i suoi profumi.

Le materie prime naturali provengono da fiori, foglie, roots, semi, frutti, alberi o corteccia.

Erbe aromatiche

Alcune piante fresche, spesso utilizzate in cucina, possono donare molta freschezza a un profumo.

Ci sono 3 suddivisioni

1. Note aromatiche di lavanda: 

  • Lavanda
  • Lavandin
  • Issopo
  • Laurier
  • Timo 
  • Rosmarino 

2. Le note di anice:

  • Semi d’anice
  • Dragoncello
  • Basilico

3. Le note di menta:

  • Menta di ceci
  • Menta piperita
  • Menta riccia

Fiori

Un registro molto ricco, suddiviso in categorie di fiori:

  • Fiori primaverili come mughetto, lillà, caprifoglio, seringa.
  • Fiori polverosi: mimosa, violetta, radice di iris , eliotropio
  • Fiori bianchi: gelsomino , magnolia, gardenia, giglio, tuberosa.
  • Fiori solari: ylang-ylang, frangipane, fiore di tiarè
  • Fiori speziati: garofano, immortale

Alcuni di questi fiori rivelano i loro segreti e profumi, altri no, come ad esempio la viola. In questi casi il profumiere li riprodurrà o ricostituirà utilizzando prodotti naturali e sintetici, in modo da riprodurre il più fedelmente possibile l’odore di questo fiore.

Frutta

Alcuni sono naturali, altri no, che esistono nella riproduzione o nella sintesi.

Esistono diverse categorie di frutta:

  • Agrumi
  • Frutti rossi: lampone, fragola, ribes nero, mora, mirtillo
  • Frutti gialli: pesca, albicocca, prugna
  • Frutti esotici: ananas, mango, frutto della passione
  • Frutti succosi: pera, mela

Note di alcuni fiori come l’osmanto, ad esempio, possono portare una nota fruttata.

boschi

Ci sono note legnose naturali, come:

  • Sandalo
  • Cedro 
  • Patchouli
  • Vetiver
  • Cipresso
  • Gaïac
  • Pino 

Esistono anche molte molecole di legno sintetico.

Spezie

Ci sono molte note speziate naturali, che possono essere suddivise in due categorie:

1. Spezie fresche

  • Cardamomo
  • Pepe
  • Zenzero

2. Spezie piccanti

  • Cannella
  • zafferano
  • Noce moscata
  • Chiodo di garofano

Le note di alcuni fiori come l’immortale possono portare un effetto speziato.

Balsami e Resine

Sono anche chiamate note balsamiche, contribuiscono all’accordo ambrato o orientale. Portano molta rotondità, mistero e note mistiche a una composizione:

  • Incenso
  • Mirra
  • Opoponax
  • Styrax
  • Benzoino 

Note sugli animali

Note animali naturali:

  • Muschio
  • Castoréum
  • Zibetto 
  • cera d’api 
  • Hyracéum
  • Ambra grigia 

Sono ancora consentite solo l’ambra grigia, l’iracene e la cera d’api.

Note di alcune materie prime naturali come: labdano, costus, osmanto, gelsomino possono portare note animali a una composizione. Alcuni muschi sintetici hanno anche un tono animale.

Note olfattive

Il linguaggio della profumeria prende in prestito molto vocabolario dalla musica. Queste materie prime possono essere chiamate note olfattive. Esempio: nota di lavanda, nota di incenso, nota di vaniglia, nota di vetiver, ecc. Il termine nota è utilizzato anche nel caso della piramide olfattiva.

Dalle note più volatili a quelle più persistenti:

  • Note di testa
  • Note di cuore
  • Note di fondo  

Sfaccettature olfattive

Il linguaggio della profumeria prende in prestito anche il vocabolario della gemmologia. Facet in profumeria significa un insieme di note correlate. Esempio: sfaccettatura agrumata, una miscela di bergamotto, arancia, mandarino, lime, ecc.

Dalla nota di testa alla nota di fondo, ecco le diverse sfaccettature: 

  • Sfaccettatura esperidica
  • Aspetto marino
  • Sfaccettatura aldeidica
  • Nuova sfaccettatura di freschezza
  • Aspetto aromatico
  • Sfaccettatura verde
  • Sfaccettatura floreale
  • Aspetto solare
  • Aspetto fruttato
  • Aspetto piccante
  • Aspetto legnoso
  • Aspetto cipriato
  • Sfaccettatura orientale
  • Aspetto gourmet
  • Sfaccettatura muschiata
  • Sfaccettatura polverosa

Accordo 

L’accordo è un insieme di note che non sono correlate tra loro. Esempio: nota di violetta + nota di bergamotto + nota di gelsomino = nota di tè.

I maggiori accordi in profumeria: accordo orientale, cipriato, felce, ecc. Questi accordi hanno dato vita alle grandi famiglie di profumi, note come famiglie olfattive.

Famiglie olfattive

Femminile o maschile, ecco le diverse famiglie olfattive che possiamo affrontare:

  • Chypre
  • Agrumi
  • Floreale
  • orientale
  • Woody
  • Fougère

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password