Iscriviti ora!

Glossario dei profumi N°5

SaveSavedRemoved 0

Glossario dei profumi N°5

Brosse Uno dei principali produttori di flaconi di lusso in vetro e cristallo al piombo per profumi e articoli da toeletta. Verreries Brosse nasce come vetreria nel 1854 e nel 1925 è la prima ad introdurre macchine automatiche per la produzione in serie di bottiglie, all’epoca principalmente per il mercato farmaceutico. La sua fabbrica a Vieux-ouen-sur-Bresle in Normandia ora è specializzata nella produzione di flaconi di profumo di alta qualità, quelli di cristallo al piombo sono rifiniti a mano con metodi tradizionali. Gestisce un’altra fabbrica negli Stati Uniti. Brosse ha fornito i flaconi originali per molti profumi famosi, come ” 1000 “. Vedi Contenitori di profumo.

” Brut ” Una fragranza maschile di tendenza, di tipo fougère, prodotta da Faberge nel 1964 per essere utilizzata negli articoli da toeletta da uomo. Le sue fragranze costituenti principali sono lavanda e anice nella nota di testa, geranio nella nota di cuore e muschio di quercia e vaniglia nella nota di fondo. Ora è commercializzato da Elida Gibbs.

Bruyère Olio prodotto come assoluta che viene estratto dalle radici di una specie di erica molto grande, l’Erica arborea; cresce fino a 12 piedi di altezza e si trova in tutta l’area mediterranea. Ha un odore dolce, balsamico, speziato ed è utilizzato in alcuni profumi di tipo cipriato e nelle fragranze maschili. Le radici di questa pianta, chiamata Radica Radica, vengono utilizzate anche per realizzare le ciotole delle pipe in radica.

Buchu Leaf Oil Un olio essenziale distillato a vapore dalle foglie di tre specie dell’arbusto Buchu (Barosma venusta, B. betulina, chiamato anche Bucco, e B. crenulata), originario del Sud Africa. La fragranza è di menta e canfora, si dice che ricordi il ribes nero e molto intensa, in modo che vengano utilizzate solo quantità minime.

Resina Bulungu Resina estratta dalla corteccia di un albero Canarium edule, che cresce nell’Africa tropicale. È usato localmente come profumo.

Olio Bruciante Un olio aromatico che viene versato in una piccola ciotola o vaschetta ad anello e posto su una fonte di calore come una lampadina elettrica, il calore gli fa emettere il suo aroma. L’olio che brucia per profumare una stanza è ora prodotto da molte aziende di fragranze. In passato tale olio veniva posto in un Bruciatore di Profumi (francese: Brule-parfum), un recipiente a forma di ciotola su un supporto, riscaldato da una candela o da un fornello a spirito e spesso molto ornamentale.

‘ Byzance ‘ Un profumo semi-orientale-floreale creato per Rochas nel 1987 da Nicolas Mamounas. Prende il nome dall’Impero di Bisanzio, dal tema di una fusione di Oriente e Occidente in una ricca combinazione, e ha circa 200 ingredienti. Fresche note di testa, in particolare agrumi e cardamomo, conducono a un cuore speziato floreale con rosa, gelsomino, tuberosa e iris, sottolineate da una base contenente legno di sandalo, muschio e vaniglia. La bottiglia è progettata per riflettere la colorazione dei mozaic bizantini e le forme arrotondate della sua architettura.

‘ Cabochard ‘ Un profumo cipriato aldeidico di tendenza creato per Gres da IFF nel 1958. Salvia sclarea, dragoncello e galbano dominano le note di testa, cedendo a un bouquet floreale nelle note centrali a base di gelsomino, rosa e ylang-ylang. Le note di fondo includono muschio di quercia, sandalo, vetivert e patchouli. Il flacone, con fiocco legato, è di Brosse.

Olio di Cabreu Chiamato anche Olio di Cabreuva. Un olio essenziale legnoso al profumo di rosa distillato dal legno delle specie dell’albero di Cabreu (in particolare Myrocarpus fastigiatus e M. frondosus), che cresce in Brasile, Argentina e Paraguay. Viene utilizzato nella profumeria a basso costo. Il tronco di M. fastigiatus produce anche un balsamo simile al Balsamo del Perù.

Cacharel Una casa di moda parigina fondata da Jean Bousquet nel 1962 e ora di proprietà di L’Oreal. L’azienda prende il nome da una piccola anatra selvatica trovata nella nativa Provenza di Bousquet. Nel 1979 Bousquet ha lanciato il profumo ” Anais-Anais “, seguito da “Cacharel pour l’Homme” nel 1981 e “Lou-Lou” nel 1987.

Cacao Chiamato anche Cacao. Un olio essenziale ottenuto dall’espressione del frutto e dei semi dell’albero del cacao (o cacao) (Theobroma cacao). L’albero è originario dell’America centrale ma è ampiamente coltivato come fonte di cioccolato. (Il cacao fu introdotto per la prima volta in Europa da Colombo, che lo trovò usato dagli Aztechi come bevanda addolcita con la vaniglia.) Dall’olio si prepara un assoluto, utilizzando principalmente cacao venezuelano, per l’uso in profumeria.

Cajuput Scriveva anche Cajaput e Cajeput. Un olio essenziale distillato a vapore dalle foglie e dai ramoscelli dell’albero Cajuput, chiamato anche albero Swamp Ti, albero del tè della palude e albero White Ti (Melaleuca leucadendron), che cresce nel sud-est asiatico dalla Malesia all’Australia. Il nome deriva dal malese per “albero bianco”. L’olio ha un odore penetrante di canfora e rosmarino e viene utilizzato in aromaterapia e per altri scopi medicinali oltre che in profumeria. È molto simile all’olio di Niaouli (dall’albero di Niaouli M. viridiflora, che si trova in Indonesia), a volte chiamato anche Gomenol, che ha usi medici più ampi, e all’olio di albero di Ti (o olio di melaleuca), che ha un eucalipto -come l’odore ed è molto utilizzato in medicina e aromaterapia.

Calamint Chiamato anche Mountain Mint, Mountain Balm, Bill Mountain e Basil Thyme. Un’erba cespugliosa (Calamintha officinalis = Satureja calamintha), che cresce fino a 1 piede di altezza e si trova ampiamente in Europa e in Asia Minore. Il nome deriva dal greco che significa “una buona zecca” (i greci credevano che avrebbe scacciato i serpenti). In epoca elisabettiana era un rimedio alla “tristezza” e alle “infermità del cuore”. L’olio essenziale, distillato dalle foglie, ha un odore minuscolo e canforo. Le foglie essiccate, una volta infuse come tè, vengono utilizzate nelle paste pomander, nelle bustine e nel pot pourri. Una sottospecie, Lesser Calamine (C. nepeta), con una fragranza più forte che ricorda Pennyroyal, viene utilizzata in modo simile.

Calamus Chiamato anche Sweet Flag, Sweet Rush, Sweet Sedge, Myrtle Sedge, Myrtle Grass, Sweet Reed, Cinnamon Sedge e Sweet Root. Una pianta simile a una canna (Acorus calamus) che cresce ampiamente in Europa e altrove sui bordi di laghi e torrenti. Fu introdotto in Europa dall’Asia Minore nel XVI secolo e potrebbe essere di origine indiana. La parola “calamus” deriva dal greco per “canna”. L’olio di calamo viene distillato a vapore dai rizomi e utilizzato in medicinali e profumi, mentre i rizomi essiccati sono usati in bustine e pot pourri. Il calamo una volta era usato come erba spargente nelle chiese inglesi. La sua fragranza è terrosa e leggermente dolce ed è particolarmente utilizzata nei profumi speziati ed erbacei.

Il calamo era un materiale profumato ben noto nei tempi antichi, che compariva in un olio profumato all’inizio dell’Egitto ed elencato da Teofrasto come una delle principali piante profumate dei profumi greci. Viene menzionato in diversi punti della Bibbia, essendo un ingrediente nell’olio della santa unzione degli ebrei (vedere Profumi biblici). Antichi altari di incenso sudarabici sono stati scavati con il nome inciso (come “Qlm”), a dimostrazione che era uno degli incensi usati lì. Tuttavia, il Calamus degli antichi (a volte chiamato Sweet Calamus e Sweet Cane) era una pianta diversa da quella conosciuta oggi come Calamus. Crebbe, secondo gli autori classici, in Arabia, la migliore proveniente dall’Arabia settentrionale, e dalla Siria oltre che dall’Egitto, ed era probabilmente la pianta oggi nota come Lemon Grass.

‘ Calandre ‘ Un profumo aldeidico verde di tendenza introdotto da Paco Rabanne nel 1968 e ora considerato un classico. È stato creato per Paco Rabanne dai profumieri Roure. Note di cuore floreali, principalmente ylang ylang, gelsomino e geranio, subentrano a una prima impressione di foglie verdi fornite da aldeidi con limone e bergamotto. Le note di fondo sono balsamiche, con vetivert, cedro, ambra e muschio. Dal 1980 questo profumo è stato venduto in un flacone Baccarat e in bottiglie disegnate da Pierre Dinand.

‘ Caleche ‘ Un profumo aldeidico floreale-cipriato creato da Guy Robert e commercializzato per la prima volta da Hermes nel 1961. Il cuore, una combinazione principalmente di gelsomino, rosa, fiore d’arancio, iris, gardenia e ylang-ylang, ha note di testa aldeidiche fresche con tocchi di bergamotto, limone, neroli e cipresso, e note di fondo legnose derivanti principalmente da vetivert, muschio di quercia e legno di cedro. Il flacone è disegnato da Jean Rene Guerrand Hermes e Joel Desgrippes.

‘ California ‘ Un profumo floreale-legnoso di grande vendita lanciato nel 1990 da Max Factor, per il quale è stato creato dai profumieri Firmenich. Note di testa floreali, con rosa, mughetto, geranio e bergamotto, conducono in un cuore che include legno di sandalo e vetivert, supportato da garofano e fiori d’arancio. La base contiene vaniglia, ambra, muschio di quercia e muschio.

Calvin Klein La società di profumi dell’organizzazione di moda Calvin Klein ha lanciato il suo primo profumo, “Calvin Klein” nel 1978. Questo è stato seguito dall’immediato successo ” Escape ” (91), insieme a due fragranze maschili, “Calvin” (81) e “Obsession for Men” (88). Nel 1990 l’azienda è stata acquisita da Unilever.

Calycanthus Un olio essenziale utilizzato nella profumeria di qualità (es. “Jardins de Bagatelles” e ” Nahema “) distillato dai fiori di una specie di albero di Calycanthus (Calycanthus occidentalis – anche il più piccolo C. floridus) noto anche come Carolina Allspice e il Arbusto profumato. L’albero cresce fino a circa 8 piedi di altezza ed è originario del Nord America. L’olio fornisce un odore fruttato che ricorda le mele mature. La corteccia di questo albero ha una fragranza simile alla cannella, per la quale a volte viene usata come sostituto, da cui il nome Allspice (ma da non confondere con il pimento).

Camellia Un arbusto (Camellia japonica) che cresce fino a circa 15 piedi di altezza ed è originario della Cina e del Giappone. Un olio essenziale, composto principalmente da eugenolo, viene distillato dalle foglie e utilizzato in profumeria di qualità (es. ” Arpege “).

Camomilla Anche ortografato camomilla e camomilla. Ce ne sono di due tipi:
1. La vera camomilla (Anthemis nobilis), chiamata anche Camomilla romana, Camomilla inglese, Camomilla comune e Manzanilla, una piccola pianta erbacea a bassa crescita con un profumo di mele (il nome Camomilla deriva dal greco “ground apple” e Manzanilla significa in spagnolo ‘piccola mela’). La pianta è originaria dell’area mediterranea e si trova anche in Iran, India e altrove. L’olio profumato alla mela, comunemente chiamato olio di camomilla romana, viene distillato a vapore dai fiori e utilizzato nei liquori e nei profumi (esempi del suo utilizzo nella profumeria moderna di qualità sono ‘Giorgi Beverly Hills’, ‘Ivoire’ e ‘ Xia-Xiang ‘). I fiori secchi vengono utilizzati in bustine e pot pourri. Questa pianta è coltivata da secoli nei giardini all’inglese per il suo utilizzo come medicina domestica generale; nel Medioevo era usata come erba aromatica.
2. Camomilla tedesca (Matricaria chamomilla), chiamata anche Camomilla selvatica, Camomilla blu e Mayweed profumata, una piccola erba che cresce dall’Europa all’Afghanistan e ora ampiamente coltivata, in particolare in Egitto, Ungheria e Germania, per il suo olio essenziale (Olio di camomilla tedesca ) ottenuto dai fiori. Questo olio, distillato a vapore, ha un profumo di mela molto dolce e viene utilizzato nei profumi e per profumare shampoo, liquori e tabacchi. Un olio simile è derivato da una pianta strettamente imparentata, Matricaria discoidea, anch’essa ampiamente coltivata.

CanforaUna sostanza cristallina bianca altamente aromatica ottenuta dall’olio grezzo balsamico che si trova nel legno dell’albero della Canfora (Cinnamonum camphora = Camphora officinarum = Laurus canfora a), chiamata anche Camphire (ma vedi sotto Cyprinum), Gum Canfora e Laurel Canfora. L’albero, che è strettamente correlato alla cannella, è originario della Cina e del Giappone ed è ora coltivato per questo prodotto in molti paesi, tra cui India, Sri Lanka, Egitto, Taiwan, Madagascar, Isole Canarie, Stati Uniti (California) e Argentina. L’olio viene distillato dal legno e lasciato sedimentare fino a quando non emergono i cristalli di canfora, il liquore viene quindi ridistillato per ottenere altri prodotti, soprattutto il safrolo, utilizzati per la produzione di eliotropina per il commercio dei profumi. La canfora era un tempo un materiale importante nella produzione della celluloide. Un singolo albero può produrre 3 tonnellate di canfora.
La canfora era uno dei più popolari di tutti gli ingredienti del profumo nel primo mondo arabo. È presente in più di un quarto delle ricette di profumi di al-Kindi e in molte altre opere arabe medievali, tra cui Arabian Nights Tales. In Europa un tempo era un ingrediente popolare nelle pomander, perché si pensava che prevenisse le malattie infettive.
I cristalli secchi sono talvolta usati in bustine e pot pourri.
Un balsamo simile si ottiene dall’albero di Canfora del Borneo (Dryobalanops camphora = D. aromatica), da cui si produce l’Olio di Canfora delle Indie Orientali, molto apprezzato dai cinesi per profumare i saponi ma poco utilizzato in Occidente. Questo balsamo viene anche utilizzato per la produzione di Borneol, occasionalmente utilizzato nella profumeria di sapone. Il balsamo è anche usato localmente come incenso.

Canfora Termine usato in profumeria per descrivere una fragranza medica fresca e pulita.

Balsamo del Canada Un balsamo chiamato anche Trementina del Canada ottenuto dal Balsam Abete (Abies balsamea) e dall’abete rosso Hemlock (Abies canadensis), che si trovano nel Nord America. Viene utilizzato in profumeria e come fissativo nei saponi.

Radice di serpente canadese Un’erba (Asarum canadense), chiamata anche zenzero selvatico americano e Coltsfoot, alta fino a 12 pollici che cresce nell’est del Nord America. Un olio essenziale speziato e simile allo zenzero viene distillato dalle radici e utilizzato in profumeria.

Candleberry Wax Cera ottenuta dalle bacche dell’albero di Candleberry (Myrica cerifera), chiamato anche Wax Myrtle, degli Stati Uniti orientali. Un tempo era usato per fare candele dall’aroma gradevole.

Candele, profumate Le candele profumate sono state realizzate sin dai tempi dell’antichità da varie cere con l’aggiunta di materiali profumati. I primi arabi adoravano le candele profumate alla canfora. Alcune cere ottenute dalle piante bruciano con un piacevole aroma naturale, in particolare Carnauba, Candleberry e Sweet Gale, che divennero materiali popolari per i produttori di candele durante il XIX secolo.

Canella Chiamato anche Cannella Bianca, Cannella Selvatica, Legno Bianco e Legno Bianco Bahama. La profumata corteccia di un albero (Canella alba = C. winterama), che cresce fino a 50 piedi di altezza ed è originaria della Florida e delle Indie occidentali, sebbene ora coltivata più ampiamente. La corteccia, portata per la prima volta in Gran Bretagna intorno al 1600, fu inizialmente pensata dagli spagnoli in America come una specie di cannella. Ha un odore speziato tra cannella e chiodi di garofano e viene esportato in aculei che possono essere polverizzati o spezzettati per essere utilizzati in bustine e pot pourri.

‘ Canoe ‘ Uno dei primi profumi da donna fougère, lanciato da Dana nel 1935 e trend setter per molte fragranze maschili che sono seguite. Creata da Jean Carles di Roure, la nota di testa era principalmente lavanda, con un cuore floreale e legnoso contenente geranio, rosa di chiodi di garofano, legno di cedro e patchouli, e un effetto fougere dolce e cipriato ottenuto principalmente da muschio di quercia, tonka, muschio, vaniglia e eliotropio nella nota di base.

‘ Capucci de Capucci ‘ Un profumo floreale-orientale lanciato nel 1987 da Parfums Capucci, l’ala del profumo del business couture di Roberto Capucci. È stato creato per lui dai profumieri Firmenich. Giacinto, mughetto, gelsomino e rosa nelle note di testa si aprono in un cuore contenente ylang-ylang e iris, con sfumature di patchouli, muschio di quercia, sandalo e vetivert. La base dolce e polverosa include incenso, muschio, ambra e opoponax.

Cumino Un’erba (Carum carvi = Apium carvi = Seseli carvi) che cresce fino a 2 piedi di altezza, originaria di un’area dal Mediterraneo all’Himalaya e coltivata in Europa e Marocco. Un olio essenziale dall’odore molto intenso e speziato (Olio di cumino, chiamato anche Oleo Carvi) viene distillato a vapore dai frutti e dalle foglie, principalmente per aromatizzare ma occasionalmente per uso in profumeria (appare, ad esempio, in ‘ Zar ‘ ). Circa 6 libbre di semi forniranno circa 4 once di olio. I semi vengono utilizzati in bustine e pot pourri.
Il cumino era ben noto in epoca classica. Plinio afferma che prese il nome dalla Caria, in Asia Minore, dove fu rinvenuta per la prima volta. Nei primi tempi si credeva che qualsiasi cosa contenesse sarebbe stato al sicuro dai furti, inoltre che avrebbe impedito agli innamorati di diventare volubili e ai piccioni di allontanarsi. Dioscoride consigliò che l’olio era buono per le “ragazze dalla faccia pallida”.

Cardamomo Chiamato anche Cardamon, Amomum, Capalanga e Ilachi. Un arbusto perenne alto, simile a una canna (Elletaria cardamomum) originario dell’India meridionale e dello Sri Lanka, i cui semi sono apprezzati come aromatizzanti, usati negli incensi e distillati a vapore per fornire un olio essenziale. L’olio ha un odore speziato simile all’eucalipto ed è utilizzato in molti profumi, compresi quelli di qualità (es. ” Diva ” e “Byzance”) e eau de colognes. Esistono diverse varietà di cardamomo di diverse specie della pianta. Viene coltivato per i semi in Sud India e Sri Lanka e anche in Malesia e Guatemala.

Il cardamomo era usato in alcuni degli unguenti dell’antico Egitto ed era elencato da Teofrasto nel 300 aC circa come una delle principali piante profumate usate nei profumi greci. I romani lo usavano su larga scala, in particolare come aromatizzante, e Dioscoride ne menzionò gli usi medicinali. Era tra le materie prime dei primi profumieri arabi.

Cardin Pierre Cardin (nato nel 1922) ha aperto la sua attività a Parigi vendendo maschere e costumi teatrali dopo aver lavorato per Dior. Nel 1957 era diventato uno dei principali stilisti di moda, estendendo in seguito i suoi interessi alla progettazione di mobili, accessori per la casa e automobili. Nel 1977 ha aperto la prima di una serie di boutique sotto il nome di “Maxims de Paris”, acquisendo in seguito il famoso ristorante con quel nome. Le fragranze Cardin includono “Cardin” (1976), “Choc” (81), “Paradoxe” (83) e “Maxims de Paris” (85), insieme a una fragranza per uomo “Pour Homme”.

Carles, Jean Uno dei profumieri più importanti di Roure-Bertrand e fondatore della loro Scuola di Profumeria a Grasse. Conosciuto come ‘il profumiere di Grasse’ e, dopo essersi assicurato il naso per $ 1 milione, come ‘Mr. Naso’. Le sue creazioni includevano “Shocking” e ” Canoe “.

Acqua carmelitana Un’acqua da toletta preparata per la prima volta intorno al 1380 dalle suore dell’abbazia carmelitana di San Giusto per l’anziano re Carlo V di Francia, che divenne popolare in tutta Europa. Era fatto di melissa, scorza di limone, acqua di fiori d’arancio e varie spezie distillate in alcool.

Garofano Un olio essenziale, spesso chiamato Garofano, si ottiene dal garofano, o fiore rosa di chiodi di garofano (vedi sotto rosa di chiodi di garofano). Il nome garofano viene utilizzato anche per i profumi composti con una fragranza simile al garofano a base di materiali sintetici, principalmente derivati ​​dall’eugenolo.

Cera di Carnauba Una cera ottenuta dalle foglie della Palma Carnauba o Palma Cera (Copernicia cerifera) del Brasile. Durante il XIX secolo fu importato in Europa su larga scala per essere trasformato in candele, che ardevano con l’aroma del fieno appena falciato.

” Carnet du Bal ” Un classico profumo di tipo orientale lanciato nel 1937 da Revillon, di cui è stato il primo profumo. È stato creato da Maurice Shaller. Le note di testa agrumate introducono un cuore floreale costruito sul ciclamino, con rosa, gelsomino, giglio e ylang-ylang, e sottolineate da una nota di fondo calda e legnosa contenente patchouli, ambra, vaniglia, zibetto e muschio.

” Carolina Herrera ” Un profumo lanciato per la prima volta negli Stati Uniti nel 1988 da Puig in collaborazione con e con la formula di Carolina Herrera, la stilista e socialite venezuelana di New York. È una “fragranza lineare” (cioè senza la classica struttura a tre strati) contenente gelsomino, tuberosa e nardo sorretta da ambra, muschio e legno di sandalo.

Caron Parfums Caron è stata fondata a Parigi nel 1904 da un profumiere, Ernest Daltroff. Nel 1910 fu raggiunto da Felicie Bergaud, stilista. Nel 1911 lanciarono ” Nocturnes ” (81), “Le 3e Homme de Caron” (85) e “Parfum Sacre (90)”. L’azienda ora appartiene al gruppo Fine Fragrances and Cosmetics.

Olio di carota Chiamato anche olio di semi di carota. Un olio con una fragranza simile all’iride distillato a vapore dai semi della pianta della carota (Daucus carota) e utilizzato in aromatizzanti e liquori, nonché nei profumi di tipo fougere e chypre. La pianta della carota è originaria dell’Afghanistan ma ora è ampiamente coltivata nelle regioni temperate. L’olio è prodotto in Francia, Ungheria, Jugoslavia e URSS. La carota è citata nella letteratura greca fin dal 500 aC.

Carven Inaugurata nel 1944 da Madame Carven come casa di moda di catering per la “piccola”, e ora produce una varietà di abiti e accessori alla moda, la casa di Carven ha prodotto il suo profumo classico ” Vetiver ” (57).

Carvone Una sostanza chimica presente in molti oli essenziali che viene utilizzata per fornire ai profumi un odore pulito, dolce, simile alla menta.

Caryophyllene Un componente dell’olio di chiodi di garofano. Anche il residuo di olio di chiodi di garofano dopo che l’eugenolo è stato rimosso da esso, che a volte viene utilizzato per profumare i saponi. Si trova anche in molti altri oli essenziali.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password