Iscriviti ora!

Glossario dei profumi N°12

SaveSavedRemoved 1

Glossario dei profumi N°12

Eliotropina Aldeide prodotta chimicamente scoperta nel 1885. È ricavata dal safrolo, ha la fragranza del fiore di eliotropio ed è utilizzata nelle fragranze di eliotropio sintetiche in profumi e articoli da toeletta.

Helleu, Jacques Un importante designer contemporaneo di flaconi e imballaggi per profumi, capo del design per Parfums Chanel, che ha fornito design, tra gli altri, a Bourjois, Chanel (“Coco”) e Ungaro (” Diva “).

Nota erbacea Termine utilizzato in profumeria per descrivere la caratteristica fragranza generale di erbe e medicinali a base di erbe. Salvia, rosmarino e lavanda sono esempi. Tali fragranze sono ampiamente utilizzate nei profumi maschili.

Hermes Una rinomata casa di moda francese particolarmente associata all’abbigliamento e agli accessori sportivi. L’azienda è stata originariamente fondata nel 1837 da Thierry Hermes come attività di produzione di finimenti, un fatto che ora si riflette nei nomi di alcuni dei suoi profumi. La divisione profumi (Hermes Parfums) è stata fondata nel 1950, commercializzando il primo profumo Hermes, il classico ” Bel Ami ” (86). Dal 1979 le fragranze dell’azienda vengono preparate da un complesso industriale a Le Vaudreuil, vicino a Rouen.

Erodoto Un greco, nato in Asia Minore intorno al 485 aC (morto nel 425 aC), che ha scritto il primo libro sulla storia e la geografia del mondo antico ancora esistente. Nota come ‘Le storie’ e prodotta intorno al 446 a.C., l’opera contiene informazioni sull’uso dei profumi all’epoca e in particolare sul commercio di cannella, cassia, labdano, incenso e mirra dall’Arabia.

Esperidi Termine usato in profumeria per descrivere le fragranze ottenute dagli agrumi.

Olio Homoranthus Un olio usato nei profumi che viene distillato da un arbusto australiano (Nuovo Galles del Sud) Homoranthus virgatus (= H. flavescens).

Honesty Oil Chiamato anche Huile de Julienne e Rotrops Oil. Un olio ottenuto dai semi della pianta di Damasco (Hesperis matronalis), detta anche Garden Rocket, Dames ‘Rocket, White Rocket, Sweet Rocket, Purple Rocket, Ruchette, Roquette, Dames’ Violet e Vesper Flower. La pianta, originaria dell’Europa centrale ma ora presente fino all’Asia centrale, è una biennale che cresce fino a 3 piedi di altezza. Emette la sua fragranza la sera e poiché non ha profumo durante il giorno si ritiene che rappresenti un inganno. L’olio è talvolta utilizzato in profumeria ei fiori essiccati sono usati in bustine e pot pourri.

Miele Il miele era usato come ingrediente nei primi profumi arabi e compare in quelli europei successivi (vedi, ad esempio, Acqua di miele). Nella profumeria moderna una sostanza che fornisce il dolce effetto aromatico del miele e conosciuta come Honey (o Miel) è prodotta sinteticamente.

Gli oli essenziali di caprifoglio vengono estratti dai fiori di molte specie e ibridi di caprifoglio (Lonicera), tra cui Lonicera periclymenon, il caprifoglio selvatico inglese, L. caprifolium (Europa) e L. fragrantissima (Cina). Hanno un odore caldo, simile al gelsomino con un accenno di vaniglia, ma la resa di olio essenziale è estremamente bassa. La maggior parte delle fragranze chiamate caprifoglio utilizzate nei profumi sono quindi composte sinteticamente utilizzando una miscela di sostanze naturali e chimiche. Esempi di caprifoglio utilizzati nei profumi moderni di alta qualità includono ” Cristalle “. I fiori secchi di caprifoglio vengono utilizzati in bustine e pot pourri.

Acqua al miele Un’acqua da toletta popolare in Francia e in Inghilterra dal XVIII secolo come lozione per il viso e nota agli speziali come Aqua Mellis. La ricetta era varia, ma un tempo gli ingredienti includevano brandy, miele, coriandolo, chiodi di garofano, benzoino, storace, acqua di rose, neroli, muschio e ambra grigia. Talvolta venivano impiegate anche buccia di limone, noce moscata, fiori d’arancio e zafferano. La preparazione è stata talvolta utilizzata anche come medicinale.

Olio di luppolo Un olio essenziale ottenuto per distillazione a vapore dalle sommità dei fiori della pianta di luppolo (Humulus lupulus). Ha un odore amaro ed erbaceo ed è usato occasionalmente nei profumi con una fragranza alle erbe.

Lichene di crine di cavallo Un lichene, Alectoria jujuba, che cresce ampiamente nelle zone temperate. Fornisce una tintura ed è stato usato occasionalmente in profumeria.

HoubigantLa più antica delle grandi case di profumi francesi, e pre-datata tra le case di profumi esistenti del mondo solo da Floris, la ditta di Houbigant fu fondata a Parigi nel 1775, come ‘guantai e profumieri’ da Jean-Francois Houbigant, allora 23 anni Nel 1782 la clientela della casa di Houbigant comprendeva la regina Maria Antonietta e la corte reale e la nobiltà, a cui forniva acque da toletta (come Eau de Mousseline, Eau de Millefleurs e Eau de Chypre), ciprie e guanti profumati. L’azienda sopravvisse agli anni difficili della Rivoluzione francese e presto ricominciò a prosperare. Nel 1807 passò al figlio di Houbigant, e poi al suo compagno Chardin, che divenne profumiere personale di Napoleone. È stato registrato che Napoleone ordinò profumi, articoli da toeletta e guanti da Houbigant poco prima di Waterloo, e che quando giaceva morente “due delle pastiglie profumate di Houbigant stavano bruciando nella sua stanza”. Houbigant furono nominati profumieri della sorella di re Louis Phillipe, la principessa Adelaide, nel 1829, della regina Vittoria nel 1838, dell’imperatore Napoleone III nel 1870 e dello zar di Russia nel 1890 (quando crearono un profumo speciale chiamato The Czarina’s Bouquet ‘) . Nel 1880 l’azienda passò nelle mani di un noto profumiere, Paul Parquet, uno dei primi ad utilizzare i sintetici e ideatore del “Fougere Royale” (1882). A cavallo del secolo si è unito a un altro illustre profumiere, Robert Bienaime, il creatore di ‘ e allo zar di Russia nel 1890 (quando crearono un profumo speciale chiamato “Il bouquet della zarina”). Nel 1880 l’azienda passò nelle mani di un famoso profumiere, Paul Parquet, uno dei primi ad utilizzare i sintetici e ideatore del “Fougere Royale” (1882). A cavallo del secolo si è unito a un altro illustre profumiere, Robert Bienaime, il creatore di ‘ e allo zar di Russia nel 1890 (quando crearono un profumo speciale chiamato “Il bouquet della zarina”). Nel 1880 l’azienda passò nelle mani di un noto profumiere, Paul Parquet, uno dei primi ad utilizzare i sintetici e ideatore del “Fougere Royale” (1882). A cavallo del secolo si è unito a un altro illustre profumiere, Robert Bienaime, il creatore di ‘Quelques Fleurs ‘(1912).
Tra i tanti altri profumi prodotti da Houbigant si possono citare: ‘Ideal’ (1900) (talvolta descritto come il primo vero profumo composito), ‘Parfum d’Argeville’ (13), ‘Ambre’ (19), ‘Un Parfum Precieux ‘(27),’ Essence Rare ‘(30, rilanciato 76) e’ Etude ‘(31), tutti apparsi in notevoli flaconi realizzati da Baccarat. Oltre a ‘Fougere Royale’ e ‘Quelques Fleurs’, i profumi Houbigant recenti e attuali includono: ‘Chantilly’ (41), ‘Ciao’ (80), ‘Raffinee’ (82), ‘Les Fleurs’ (83), ‘ Lutece “(86),” Demi Jour “(87) e due fragranze maschili” Monsieur Houbigant “(69) e” Musk Monsieur “(77).
L’azienda produce ancora i suoi profumi a Grasse e dal 1880 gestisce la sua fabbrica principale a Neuilly-sur-Seine, un sobborgo di Parigi. Houmiri Chiamato anche Umari. Un olio profumato ottenuto da un fungo che attacca la corteccia dell’albero Bastard Bullet (Houmiri floribunda) del Brasile e della Guyana. Viene utilizzato localmente per profumare i capelli e il corpo.

Hudnut, Richard Uno dei fondatori dell’industria dei profumi americana. Figlio di un chimico e farmacista, fondò una profumeria di grande successo a New York, commercializzando il suo primo profumo, ‘Violet Sec’, nel 1896. Altri noti profumi Hudnut includevano ‘Aimee’ (1902), ‘Vanity’ ( 10) e Tre fiori ‘(15). Hudnut ha venduto la sua attività nel 1916, ma ha continuato a produrre profumi fino al 1946.

Ungheria Acqua Una delle prime acque da toletta prodotta distillando piante aromatiche con alcol di vino. Fu prodotto per la prima volta intorno al 1370 d.C. per la regina d’Ungheria e divenne molto popolare in tutta Europa. Si ricavava dai fiori di rosmarino, con porzioni più piccole di maggiorana e mentuccia, a cui negli anni successivi si aggiunsero cedro, lavanda e giaggiolo. In tempi successivi entrarono in uso anche altre ricette per esso. Una versione moderna, a base di rosmarino con menta, melissa e scorza d’arancia, è commercializzata da Crabtree & Evelyn.

Pino Huon Un albero alto (Dacrydium franklinii) che cresce in Malesia, Borneo, Nuova Caledonia, Tasmania, Australia e Nuova Zelanda. L’olio di pino Huon, che ha un odore simile a quello di chiodi di garofano, viene distillato dal legno per essere utilizzato nelle acque da toletta e nei saponi.

GiacintoI fiori del Giacinto (Hyacinthus orientalis), di origine siriana ma ormai ampiamente coltivato e con innumerevoli varietà, forniscono per estrazione un olio essenziale di notevole pregio in profumeria. L’olio viene solitamente utilizzato come assoluto o cemento, ma la resa del calcestruzzo è solo dello 0,01-0,02% circa, il che lo rende estremamente costoso. L’odore è fortemente floreale con un accenno di storace. Un profumo meno potente, ma più fresco e fiorito, si ottiene dal giacinto blu selvatico (H. non scriptus = Scilla nutans). Tuttavia, la maggior parte degli oli di giacinto ora venduti sono preparati artificialmente. Esempi di profumi di qualità moderna contenenti Hyacinth sono “Nino Cerutti”, “Givenchy III” e “White Linen”. Gli studiosi ora credono che H. orientalis fosse la pianta indicata nella Bibbia come Lily of the Valley. La leggenda greca vuole che il fiore sia cresciuto dal sangue di Hyacinthus, un giovane ucciso accidentalmente da Apollo; in Grecia ora significa ricordo.

Hyraceum Il prodotto dell’Hyrace (il Coney della Bibbia), un piccolo animale vegetariano simile a un coniglio del genere Procavia che vive nelle fenditure delle rocce in Arabia e nel Medio Oriente. È un’escrezione digestiva e si trova in masse irregolari e amorfe che sono plastiche quando vengono impastate. L’odore è alquanto muschiato e ricorda quello del castoreo, per il quale viene talvolta utilizzato come sostituto. Ha una piccola parte nella profumeria occidentale. È probabilmente la sostanza chiamata in arabo Ba’r tibbi (“sterco profumato”) usata come ingrediente in una delle prime ricette di profumi arabi di al-Kindi.

Issopo Olio di Issopo è ottenuto per distillazione in corrente di vapore dalle foglie, dal gambo e dai fiori dell’issopo, una piccola erba aromatica arbustiva (Hyssopus officinalis) originaria dell’area mediterranea all’Iran. L’issopo è coltivato per questo olio, principalmente in Francia e Germania, con una resa dello 0,5% circa. L’olio ha un odore fine, caldo, speziato, leggermente canforoso ed è utilizzato principalmente nelle acque di colonia e come aromatizzante (in particolare per i liquori). Le foglie essiccate vengono utilizzate in bustine e pot pourri.
Il nome Issopo deriva dal greco azab, che significa erba sacra, perché l’Antico Testamento ne fa notare l’uso nella purificazione dei templi. Era anche usato fin dai primi tempi in medicina, ed è così registrato da Dioscoride. Tuttavia, si ritiene ora che l’issopo dell’Antico Testamento fosse una pianta diversa, una specie di maggiorana (Origanum maru) comune in Medio Oriente. Si pensa anche che O. maru fosse il materiale profumato usato dai primi creatori di profumi arabi con il nome di Marmakhuz.

Iceland Wintergreen Un profumo da fazzoletto popolare negli Stati Uniti durante la fine del XIX secolo. Era a base di rosa, lavanda, neroli, vaniglia, cassie e wintergreen.

Iguga Albero originario dell’Africa tropicale noto anche come Mpopwa e Popioe (Fagara chalybea) dai cui semi si ricava un olio utilizzato nei profumi locali.

‘ Imperial Leather ‘ Una famosa fragranza ora usata dai Cussons nei loro articoli da toeletta. Nel 1768 il conte Orloff, in visita a Bayleys, i profumieri di corte, a Londra, li sfidò a creare un profumo che riproducesse l’aroma della pelle indossata e prediletta dalla nobiltà russa. Il risultato fu un nuovo profumo, “Eau de Cologne Imperiale Russe”, che divenne il profumo preferito dall’imperatrice Caterina la Grande. Dopo che Cussons assorbì Bayleys all’inizio di questo secolo, adottarono questa fragranza, sotto il nome di “Imperial Russian Leather”, per i loro nuovi saponi, la parola “Russian” fu abbandonata nel 1989.

IncensoUn fumo fragrante prodotto dalla combustione di sostanze aromatiche; anche sostanze bruciate per creare tale fumo. L’incenso è stato bruciato sin dai tempi più antichi in tutte le parti del mondo in riti religiosi, come fumigante e semplicemente per il piacere del suo profumo. I materiali vegetali profumati come l’incenso e lo storace vengono utilizzati da soli o gli incensi sono composti da una serie di diverse resine, erbe e spezie mescolate insieme. Sotto l’Impero Romano l’incenso era il principale incenso utilizzato, e enormi quantità di esso furono importate dall’Arabia meridionale e dal Corno d’Africa per lo scopo. Il “sacro incenso” degli ebrei era composto al tempo dell’Esodo e l’incenso veniva bruciato nelle chiese cristiane a partire dal V secolo d.C. Le tavolette di incenso venivano usate nelle case ricche in Europa per addolcire l’aria nel XVIII secolo. Nei tempi moderni i bastoncini d’incenso indiani, formati legando una miscela di resine in polvere e altri materiali aromatici in una pasta con una gomma e arrotolandola su bastoncini, hanno continuato ad essere usati in Europa, mentre la maggior parte delle grandi religioni, ad eccezione dell’Islam continuano a usare l’incenso nelle loro cerimonie, ed è ancora bruciato per scopi domestici in molte parti del mondo. Nella moderna profumeria occidentale il termine “incenso” è talvolta usato per indicare l’incenso come ingrediente di un profumo.

Incenso Macho Il nome locale per una resina ottenuta in Perù, probabilmente da un albero Styrax ovatum, che viene utilizzato come incenso e anche in profumeria. La sua fragranza ricorda il benzoino del Siam o la vaniglia.

Indolo Una sostanza chimica che si trova naturalmente in molti oli essenziali, tra cui gelsomino, neroli, fiori d’arancio, robinia, violaciocca e alcune specie di agrumi, ed è anche prodotto sinteticamente. È una sostanza cristallina con un odore sgradevole fino a grande diluizione, quando diventa piacevolmente fragrante con una distinta nota floreale di fiori d’arancio e gelsomino. Viene utilizzato nella preparazione di profumi artificiali di gelsomino e neroli.

” Infini ” Un profumo floreale intensamente aldeidico creato dai profumieri IFF per Caron, che lo lanciò nel 1970. Il nome fu scelto per la prima volta per un profumo emesso nel 1912 e fu riutilizzato per celebrare l’avvento del volo spaziale. Le note di testa aldeidiche verdi introducono un cuore floreale contenente gelsomino, giunchiglia, rosa, mughetto e tuberosa, su una base principalmente legno di sandalo. Si dice che la fragranza abbia
impiegato 15 anni per svilupparsi. La bottiglia è stata disegnata da Serge Mansau.

Infusione Termine utilizzato in profumeria per descrivere il processo di produzione di attars mediante estrazione con una soluzione di solvente sotto calore. È anche usato per denotare la sostanza così derivata.

Sapori e fragranze internazionaliGeneralmente abbreviato in IFF. Una società americana che è il più grande produttore all’ingrosso di aromi e fragranze nel mondo (vedere Produzione di profumi). Fondata negli Stati Uniti negli anni ’30 da Hank van Amerigen e un collega, Haebler, l’azienda si chiamava originariamente Van Amerigen-Haebler e si sviluppò rapidamente. Nel 1958 si unì agli ex datori di lavoro di Van Amerigen, la società di profumi olandese Polak & Schwarz, fondata alla fine del XIX secolo, e divenne IFF, con sede a New York. L’azienda vende le sue fragranze a produttori di profumi e cosmetici, prodotti per la cura dei capelli e altri prodotti per la cura personale, saponi e detergenti, prodotti per la pulizia della casa e di altro tipo e deodoranti per ambienti. Le fragranze rappresentano il 62% (e gli aromi il 38%) delle sue vendite. Ha creato circa il 16% di tutti i profumi di qualità ora sul mercato.
IFF gestisce circa 57 uffici vendita in 38 paesi in tutto il mondo, con 30 stabilimenti e circa lo stesso numero di laboratori creativi. Ha importanti installazioni a New York, New Jersey e Hilversum, in Olanda e il suo complesso principale in Gran Bretagna è a Haverhill, Suffolk. Ha un investimento sostanziale in ricerca e sviluppo, mantenendo una “biblioteca” computerizzata che registra oltre 30 000 diverse molecole di fragranze e aromi; i recenti sviluppi includono la tecnologia dei fiori viventi.

‘ Intimo ‘ Un classico profumo cipriato lanciato nel 1955 da Revlon, per il quale è stato creato dai profumieri IFF. Il cuore è floreale, principalmente gelsomino e rosa, con sfumature legnose di legno di sandalo e legno di cedro, tra gli altri. Le note di testa sono aldeidiche, con bergamotto e rosa tra le fragranze sottostanti. Ambra e castoreo forniscono le note di fondo principali, con sentori di muschio di quercia, zibetto e muschio.

Ionone Un importante ingrediente di profumo sintetico con il profumo di violetta scoperto da Tiemann e Kruger nel 1893. È prodotto chimicamente dal citrico, una sostanza che si trova negli oli di agrumi e di alcune altre piante, e da altri processi chimici.

Iris, Yellow L’Iris giallo (Iris pseudoacorus), chiamato anche bandiera gialla, fiore del drago, fiore di mirto, fiore di luce (Fleur de Lys) e erba di mirto, cresce nelle zone acquose come sulle rive dei fiumi in tutta Europa e nel Nord Africa e fino alla Siberia. Le radici in polvere una volta erano usate per profumare biancheria e vestiti.

Isoeugenolo Sostanza al profumo di garofano che si trova naturalmente negli oli essenziali di noce moscata e ylang-ylang e si ottiene dall’eugenolo. Fornisce ai produttori di profumi un buon fissativo.

Iva Un olio essenziale intensamente muschiato distillato dalle foglie e dai fiori della pianta di Achillea Muschiata (Achillea moschata), che cresce in Italia e in Svizzera. Viene utilizzato principalmente per la produzione di liquori (ad esempio Esprit d’lva), ma è occasionalmente utilizzato in profumeria.

” Ivoire ” Un profumo floreale di qualità creato per Balmain nel 1979 dai profumieri di Florasynth. Le note di testa sono verdi con un tocco di spezie, contenenti calendula, bergamotto, galbano, assenzio e camomilla. Il cuore è intensamente floreale e comprende gelsomino, mughetto, rosa, iris, giunchiglia e neroli. Le note basse calde e legnose si basano su incenso, vetivert, legno di sandalo e ambra. Il flacone di forma quadrata, sigillato all’interno di un rivestimento avorio, è stato disegnato da Pierre Dinand.

Jacques Fath Una celebre casa di moda parigina fondata nel 1937 dal couturier Jacques Fath (1912-1954) e chiusa tre anni dopo la sua morte per leucemia. La sua attività nel settore dei profumi sopravvive ancora. I profumi Jacques Fath includono “Ellipse” ed “Expression” (1977), entrambi in flaconi disegnati da Serge Mansau, e una fragranza maschile ” Green Water ” (53).

Japan Flowers Un nome dato a certi tipi di profumi con bouquet floreali che erano popolari all’inizio di questo secolo.

Anice stellato giapponese Un albero (Illicium anisatum = I. religiosum) originario della Cina (dove è chiamato Mang-tsao, che significa “l’erba pazza”) e del Giappone (dove è chiamato Shikimi e Dai-ui-Kio). In Giappone i rami aromatici sono usati per profumare le tombe, mentre la corteccia viene bruciata nelle case giapponesi e nei templi buddisti come incenso. Un olio essenziale ottenuto dalle foglie fornisce una fragranza che ricorda l’olio di limone e la noce moscata.

” Jardins de Bagatelle ” Un profumo floreale creato da Jean-Paul Guerlain e lanciato da Guerlain nel 1984. Viene venduto in un flacone disegnato da Robert Granai. Una nota di testa di violetta, con un tono fruttato di bergamotto, limone e calicanto, conduce in un cuore intensamente floreale che include rosa, gelsomino, narciso, ylang-ylang, iris, orchidea e mughetto, con un tocco di cassis. La base contiene vetivert, legno di cedro, patchouli, benzoino, muschio e zibetto. Il profumo prende il nome dal castello e dai giardini costruiti nel 1777 per la regina Maria Antonietta.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password