Iscriviti ora!

Come vengono prodotti i profumi?

SaveSavedRemoved 1

Come vengono prodotti i profumi?

Siamo scesi dietro le quinte dell’opera di messa a punto di un profumo, e abbiamo scoperto i diversi processi che ci sono dietro la creazione di una delle tante fragranze. 

Dalla raccolta di fiori e piante al momento in cui il profumo viene spruzzato, vi sono diverse fasi.

Estrazione del profumo

Una volta che i fiori e le piante sono stati raccolti, le materie prime naturali devono essere estratte per isolare le molecole. L’obiettivo è quello di ottenere un’essenza.
Esistono diversi metodi di estrazione dei profumi:
• enfleurage;
• distillazione;
• estrazione del solvente;
• estrazione con CO2 supercritico.

Enfleurage

Utilizzato nell’antichità, l’enfleurage è oggi trascurato perché troppo costoso. Questo processo è praticato solo per alcuni fiori molto fragili come il gelsomino, la rosa e il fiore d’arancio. A freddo, i petali vengono distribuiti su tele intrise di oli inodori che assorbono l’aroma; i fiori vengono trattati in modo da ottenere 1 chilo di grassi saturi con 3 chili di fiori. L’operazione è lunga. Il grasso è posto in un tritatore con alcool. Questo alcool provoca il profumo e, dopo il filtraggio, viene ottenuto la profumazione assoluta. A caldo, i petali dei fiori vengono immersi in vasche piene di olio.

Come vengono prodotti i profumi?

La distillazione 

La distillazione consiste nel separare gli elementi costitutivi di un solido o di un liquido per calore e raccogliendoli nello stato gassoso per ri-condizionarli poi separatamente. Le materie prime vengono poste in un alambicco con acqua per bollire. Il vapore prodotto porta le sostanze odorose e, dopo che il vapore s’è raffreddato, viene trasformato in acqua profumata, e scorre in un contenitore destinato ad olii essenziali. L’acqua si separa facilmente dall’olio essenziale per via della diversa densità. La distillazione può essere effettuata anche in maniera “frazionaria”, che ha il vantaggio di aumentare l’odore, il potere, la finezza e la solubilità: i terpeni vengono separati dagli olii essenziali.

Estrazione del solvente 

L’estrazione del solvente è un processo che dal 1870 consente la separazione degli oli essenziali mediante l’impiego di solventi: esano, etere di petrolio o benzene; questi solventi vengono rimossi per evaporazione. Gli oli essenziali vengono quindi distillati.

Estrazione con CO2 supercritico

Si tratta della stessa tecnica usata per il caffè, l’estrazione con CO2 supercritico sostituisce il solvente con l’anidride carbonica sotto pressione in un cosiddetto stato “supercritico”. Questo metodo consente di estrarre parti lipidiche delle piante. L’estrazione con CO2 supercritico si adatta a piante fragili (bassa temperatura). Gli estratti ottenuti, privi di solventi, sono prodotti naturali.

Volatilità e odore del componente 

I componenti hanno una differenza di volatilità. Il senso dell’olfatto percepisce diverse fasi:
le note di testa sono le sostanze più volatili, immediatamente percepibili;
le note di cuore si sviluppano durante la giornata, durano diverse ore e rappresentano l’odore caratteristico del profumo;
le note di fondo, più lentamente, fanno sì che il profumo si mantenga per alcuni giorni.
Profumo, eau de parfum, eau de toilette, eau fraîche e colonia: quali sono le differenze? (h2)

Aggiunta di diversi gradi di alcool e la concentrazione dell’essenza determinano la tenacia del profumo e il suo prezzo:


• L’estratto del profumo contiene fino al 40% del concentrato in un alcool a 96°.
• L’eau de parfum contiene tra il 12 e il 15% del concentrato in un alcool a 90°.
• L’eau de toilette contiene circa l’8-12% di concentrato in un alcol a 85°.
• L’eau fraîche, una concentrazione del 5% in un alcol a 70°.
• La Colonia, una concentrazione compresa tra il 2 e il 5% in un alcool che va da 60 a 90°.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Fan Perfume
Logo
Register New Account
Reset Password